Venezia 75 – SULLA MIA PELLE / EROM / L’ENKAS

Iniziamo il nostro viaggio nella 75a Mostra del Cinema di Venezia proponendovi tre titoli della sezione Orizzonti: il film israeliano Erom, il francese L’EnKas e l’italiano Sulla mia Pelle. La sezione Orizzonti del Festival di Venezia vuole dare visibilità alle nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale mostrando al pubblico opere di registi emergenti e provenienti da Paesi diversi. 

EROM

(Orizzonti)

Regia: Yaron Shani; Interpreti: Laliv Sivan, Bar Gottfried; Anno: 2018; Origine: Israele, Germania; Durata: 119′

Alice è una scrittrice trentenne che raggiunge il successo letterario e si accinge a cercare fonti e testimonianze per un documentario sull’arruolamento dei giovani israeliani nell’esercito. La giovane artista inizia però ad accusare forti attacchi di panico, causati da abusi sessuali di cui è stata vittima, che la costringono in casa insieme ai suoi tre cani. Ziv vive dal lato opposto della strada, è un diciassettenne con il sogno di diventare un musicista professionista costretto ad arruolarsi. Grazie al progetto documentaristico di Alice, Ziv incontra la ragazza, che da sempre ammira, sogno erotico della sua adolescenza.

Il regista Yaron Shani, alla sua opera prima, tenta di portare all’estremo il realismo. Racconta la storia di questi due personaggi “nudi” sia emotivamente che fisicamente. Erom narra con particolare intensità il trauma causato alla donna dalla violenza sessuale subìta e quanto sia difficile per la donna stessa affrontarne le conseguenze, soprattutto psicologiche, e tornare a vivere.
La struttura narrativa si concentra molto sulle esperienze singole dei due protagonisti, tanto da portare lo spettatore ad intuire la conclusione della pellicola. Il legame fra i due personaggi è posto quasi in secondo piano e si perde fra momenti di narrazione estremamente prolissi e altri troppo didascalici.

 

L’ENKAS

(Orizzonti)

Regia: Sarah Marx; Interpreti: Sandor Funtek, Sandrine Bonnaire, Virginie Acariès, Alexis Manenti; Anno: 2018; Origine: Francia; Durata: 85′

Ulysse è uno spavaldo ragazzo appena uscito di prigione che, desideroso di arricchirsi, decide con l’amico David di noleggiare un food truck per poter vendere ketamina ai rave party. Totalmente coinvolto dal suo progetto e bisognoso di denaro per saldare i conti della casa natale, cerca di rifilare la madre, malata di depressione, all’ex-fidanzata, che si era presa cura di lei durante il soggiorno in prigione del ragazzo.

Il film è prodotto dalla società La Rumeur Filme i cui progetti vogliono svilupparsi in un cinema impegnato che possa dare voce a persone costrette ad atti criminali per cercare di risollevarsi da situazioni difficili. Non c’è una contrapposizione fra bene e male, ma modi di reagire diversi e strade facili per arginare problemi molto complessi che i personaggi sono costretti ad affrontare fin da piccoli. L’EnKas è un film realista che si astiene da giudizi ma mostra, proprio come desiderato dai produttori, uno stato di malessere della società senza banalizzarlo con luoghi comuni.

 

SULLA MIA PELLE 

(Orizzonti)

Regia: Alessio Cremonini; Interpreti: Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milva Marigliano; Anno: 2018; Origine: Italia; Durata: 100′

Sulla mia pelle racconta l’ultima settimana di vita di Stefano Cucchi, prima della morte, avvenuta in carcere il 22 Ottobre 2009, dopo essere stato arrestato dai Carabinieri per spaccio. Film d’apertura della sezione Orizzonti, Sulla mia pelle di Alessio Cremonini si concentra sulle sofferenze vissute dal giovane e dalla sua famiglia. Attraverso l’egregia prova attoriale di Alessandro Borghi, entriamo in contatto con chi ha vissuto questa storia senza mai averla potuta raccontare. È un film fisico e la regia, molto attenta e sensibile, lascia sapientemente celati alcuni tratti della storia, dando al lungometraggio la forza di essere un film di denuncia, ma equilibrato, che si attiene ai fatti. Sulla mia pelle è stato, infatti, costruito sugli atti processuali e non scade mai nell’eccesso di drammaticità. Il film uscirà il 12 settembre su Netflix e al cinema.

https://www.youtube.com/watch?v=dgQ_JhrDWlM

About Giulia Scalfi

Dopo la laurea triennale DAMS con la tesi Da Caramel a E ora dove andiamo?: Il Cinema di Nadine Labaki, consegue la laurea magistrale in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale discutendo la tesi Evoluzione del montaggio e del sonoro nella saga di James Bond. Il particolare interesse per il linguaggio cinematografico la porta a concentrasi maggiormente sulla struttura dei film e sulle scelte stilistiche. E' stata conquistata dal cinema grazie a film come Effetto Notte, Frankenstein Junior e Chicago. Non può negare la profonda stima nei confronti di Quentin Tarantino e Robert Rodriguez nonostante provi una profonda ammirazione per le cineaste di ieri e di oggi.