THE QUEEN OF SPAIN

Titolo originale: La reina de Espana; Regia: Fernando Trueba; Interpreti: Penelope Cruz, Antonio Resines, Javier Càmara; Origine: Spagna; Anno: 2016; Durata: 128”

Macarena Granada, star di Hollywood, tornata in patria per vestire i panni della regina Isabella di Castiglia in un kolossal di produzione ispano-americana. Sarà l’occasione per rincontrare le persone della sua vita ed aprirsi a nuove esperienze.

Arriva oggi 22 Marzo su Prime Video, distribuito da 102 Distribution, The Queen of Spain del regista Fernando Trueba, con protagonista il premio Oscar Penélope Cruz, qui alla terza collaborazione col regista. Il film è il sequel de La niña dei tuoi Sogni del 1999 e Penelope Cruz riprende il suo ruolo, così come il resto del cast principale, circa 20 anni dopo.

The Queen of Spain è una divertente commedia ambientata nel 1956 incentrata sulla storia di Macarena Granada, star di Hollywood, tornata in patria per vestire i panni della regina Isabella di Castiglia in un kolossal di produzione ispano-americana. L’occasione porta l’attrice sulle tracce di vecchi amici, antichi amori e verso la scoperta di un forte sentimento rivoluzionario che la spinge ad agire con coraggio contro il regime franchista. Il film è anche un omaggio di Trueba all’amore per il cinema e la gente di cinema.

«In un certo senso la carriera della stessa Penélope Cruz è persino simile a quella di Macarena. – ammette Fernando Trueba – Ci ho giocato un po’nella sceneggiatura. Mi è piaciuto usare immagini speculari. E poi nel primo film Penelope era giovane, e questo era giusto per La Nina dei tuoi sogni, mentre oggi la sua grande esperienza, il riconoscimento mondiale, il suo fascino, il fatto che lavori sia in America che in Spagna, ha reso quasi reale la vita di finzione di Macarena.»

In entrambi i film Macarena si confronta faccia a faccia contro i tiranni. «Volevo che i film fossero molto diversi ma anche che avessero delle cose in comune. Nel primo ho usato i cinegiornali dell’epoca per i titoli di testa, in questo sono andato un passo oltre e ho usato i cinegiornali per commentare come il mondo era cambiato negli anni tra i film, ma anche per vedere i personaggi evolversi.»

Penelope Cruz e il  regista Alfonso Trueba sul set.

Il cinema può fare la differenza? Può sensibilizzare su certi temi? «L’arte è ciò che ci rende umani, molto più di ogni altra cosa. La vita non può essere spiegata solo attraverso la scienza e la storia. L’arte ci aiuta a vivere, ad avere empatia, a guardare la sofferenza degli altri e piangere con loro o a ridere con loro. Penso che anche la commedia più evasiva ci aiuti a vivere.»

Antonella Matranga

Barese, di origine siciliana, ha lavorato a Milano, per un decennio a Parigi e oggi vive a Roma. Giornalista, videoreporter, sceneggiatrice e regista. Ha cominciato la sua carriera nel 1988 a Milano per Il Giornale di Montanelli, per poi continuare con la Voce e il settimanale Epoca. Ha realizzato in questi anni reportage e documentari per Report, Così va il mondo, Okkupati, Matrix, Rainews24. Ha firmato la regia per RaiSatExtra di Video Viva Radio 2 con Fiorello e Baldini. È autore e regista del film doc Anime di Periferia uscito quest’anno con Corriere dello Sport. Realizza interviste a personaggi della scena internazionale per La Repubblica e i suoi magazine: Robinson, D, DLui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *