And the Oscar goes to – LAWRENCE D’ARABIA

Titolo: Lawrence d’Arabia; Titolo originale: Lawrence of Arabia; Regia: David Lean; Interpreti: Peter O’Toole, Omar Sharif, Alec Guinness, Anthony Quinn, Jack Hawkins, Claude Rains; Origine: Gran Bretagna; Anno: 1962; Durata: 212′

Se il gradino più alto del podio per il più famoso stacco di montaggio della storia del cinema non gli fosse stato sottratto, cinque anni più tardi, dall’osso/astronave di 2001, esso sarebbe ancora indubbiamente tutto del fiammifero di Lawrence d’Arabia. Western delocalizzato (con tanto di attacco al treno) e ambizioso fino all’incoscienza – esattamente come il protagonista eponimo, inglese flemmatico sempre sul filo dell’ironia a guida di arabi impulsivi dall’orgoglio incrollabile, animato dal culto dell’impresa impossibile.
Con i suoi 70mm x 3h47’ di puro tripudio audiovisivo (la partitura di Maurice Jarre – e in particolare il tema – è di quelle che non si scordano, come pure le dune inondate di sole mirabilmente fotografate da Freddie Young, premi Oscar entrambi), con i suoi 285 giorni di riprese (più di tre anni di lavoro complessivo per David Lean), con i suoi attori monumentali (e le sue attrici non pervenute) che si giostrano una sceneggiatura epica come poche e sottilmente (omo)sessuale (nel 1962), Lawrence d’Arabia è un autentico “miracolo” (parola di Spielberg, oltre che del Principe Feisal).

Lawrence d’Arabia ha vinto l’Oscar per il Miglior film nel 1963 (insieme a quelli per Miglior regia, colonna sonora, fotografia, montaggio, scenografia, sonoro).

 

Torna alla pagina principale di And the Oscar goes to.

 

About Carlo Gandolfi

Colui che scruta, cromaveglie di luce, onirosuoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *