And the Oscar goes to – L’APPARTAMENTO

Titolo: L’appartamento; Titolo originale: The apartment; Regia: Billy Wilder; Interpreti: Jack Lemmon, Shirley MacLaine, Fred MacMurray, Ray Walston, Jack Kruschen; Origine: USA; Anno: 1960; Durata: 125′

CC Baxter è un impiegato di una grande società di assicurazioni e, per avanzare di grado, presta il proprio appartamento ai suoi superiori per i loro incontri extraconiugali. L’espediente paga fino a quando non scopre che Fran, la ragazza di cui è innamorato, è una delle ragazze che il suo capo porta nell’appartamento.

Billy Wilder ha la capacità di farti ridere tanto da non riuscire a fermarti e, un minuto dopo, costruire una scena che ti lascia a pezzi per la malinconia. E spesso riesce anche a suscitare queste reazioni contemporaneamente, con sequenze amare e drammatiche in cui i personaggi pronunciano battute comiche. L’appartamento è l’esempio perfetto della sua maestria, grazie anche a due interpreti, Jack Lemmon, uno dei suoi attori feticcio, e Shirley MacLaine, che mettono nella recitazione tutte le sfumature della commedia e del dramma. Ho amato la storia e i suoi due protagonisti fin dalla prima volta che ho visto L’appartamento, proprio per l’“ordinarietà” dei loro personaggi e la commistione inestricabile di malinconia e ilarità, per la tenerezza dei dialoghi tra di loro e delle loro interazioni e per il disincanto nel descrivere i rapporti umani e il retrogusto amaro che il film lascia.

L’appartamento ha vinto il premio Oscar come Miglior film nel 1961 (oltre a quelli per Miglior regia, sceneggiatura originale, montaggio e scenografia).

 

Torna alla pagina principale di And the Oscar goes to.

 

About Alessandra Pirisi

Laureata all’Università di Bologna in Lettere moderne con una tesi su "Il deserto rosso" di Antonioni e nella specialistica con una tesi su "Mercuzio non vuole morire" della Compagnia della Fortezza. I suoi interessi vertono su letteratura (suo primo amore), teatro, danza, cinema e Bruce Springsteen. La passione per il cinema è nata quando aveva 12 anni e da allora per capire cosa fare della sua vita guarda ogni tipo di film (tranne horror e poco altro). Considera Hitchcock, Cukor e Wilder (alcuni tra) i suoi registi preferiti, Cary Grant il miglior attore del mondo, "Un pesce di nome Wanda", "Scandalo a Filadelfia" e "Rocky Horror Picture Show" la più efficace medicina esistente. Si interessa – molto – a serie tv (in particolar modo poliziesche); tra le preferite Modern Family e Hannibal, da cui ha sviluppato un’insana passione per Mads Mikkelsen. Per la serie "dirty pleasures", ha un'ossessione "segreta" (anche se la sbandiera ogni volta che può) per i film di Bollywood (per chi ancora non lo sapesse, Shah Rukh Khan non è solo il Re di Bollywood, ma anche del Mondo).