JURASSIC PARK – Gli effetti speciali

Nell’estate del 2014 alcuni animalisti – di certo non cinefili! – si sono scagliati contro questa fotografia che ritrae Steven Spielberg davanti alla carcassa di un Triceratopo accusandolo di essere un assassino per aver ucciso un animale durante una battuta di caccia:

Jurassic_Park_Steven_Spielberg

Vi presentiamo il primo dinosauro robotico con cui i personaggi di Jurassic Park interagiscono nel film.

Il merito di questa progettazione va a Stan Wiston che riesce a gestire questi protagonisti (non solo il Triceratopo, ma anche il T-Rex) come delle marionette. Questi robot sono stati creati a grandezza naturale e studiati nei minimi dettagli: queste macchine, oltre a muovere gli occhi, “respirano”.
Philipp Tippet, storico animatore, ha invece utilizzato i classici modellini movibili e l’animazione a passo uno utile per capire e studiare i movimenti che avrebbero fatto gli animali, dalla semplice camminata, alla corsa, ai balzi per facilitare alla lavoro con la CGI.

T.rex_

A questi artisti straordinari si aggiunge anche Dennis Muren, capo squadra della Light & Magic che prima di Jurassic Park aveva curato gli effetti visivi di Terminator 2 di James Cameron. Se in quest’ultimo film, però, venivano solo realizzati effetti su fluidi, in Jurassic Park, per la prima volta, vengono costruiti graficamente degli esseri viventi. Alcuni modellini vengono codificati elettronicamente da un software per i movimenti, dopo di che il lavoro verte sui dettagli. Muren aveva anche la responsabilità di combinare queste tre diverse tecnologie in post-produzione mentre il responsabile sul set era Michael Lantieri. Si deve a questi quattro uomini la credibilità di questi animali estinti, in un film che ancora oggi visivamente ha molto da insegnare.

Leggi anche:
LETTERA AD UN’AMICA SU JURASSIC PARK
JURASSIC PARK – Il sound design
JURASSIC PARK – La trilogia
JURASSIC WORLD

About Giulia Scalfi

Dopo la laurea triennale DAMS con la tesi Da Caramel a E ora dove andiamo?: Il Cinema di Nadine Labaki, consegue la laurea magistrale in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale discutendo la tesi Evoluzione del montaggio e del sonoro nella saga di James Bond. Il particolare interesse per il linguaggio cinematografico la porta a concentrasi maggiormente sulla struttura dei film e sulle scelte stilistiche. E' stata conquistata dal cinema grazie a film come Effetto Notte, Frankenstein Junior e Chicago. Non può negare la profonda stima nei confronti di Quentin Tarantino e Robert Rodriguez nonostante provi una profonda ammirazione per le cineaste di ieri e di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *