BIFEST 2014 – ANTEPRIMA INTERNAZIONALE: THE OTHER WOMAN

screen_shot_the other woman
Titolo italiano: Tutte contro lui
Regia: Nick Cassavetes
Origine: Usa
Anno: 2014
Durata:110’

The other woman, che in Italia uscirà con il titolo di Tutte contro lui, è stato presentato in anteprima al Bifest 2014 che si tiene a Bari dal 5 al 12 aprile.

Il film, che fino a qualche settimana fa era ancora in fase di montaggio, è il quarto lungometraggio di Nick Cassavetes, figlio del grande John, (tra i suoi lavori precedenti Una donna molto speciale – nel quale ha diretto sua madre Gena Rowlands – Le pagine della nostra vita e La custode di mia sorella).
The other woman è una commedia a tutti gli effetti, a partire dalla trama basata sul binomio equivoco-agnitio che si sussegue per tutta la durata del film. Infatti “l’altra donna”, da colei con la quale si attua il tradimento, si ritrova a sua volta tradita, nella ripetizione di uno schema dove l’unico punto fermo è quello dell’uomo infedele seriale.

bifst_the_other_womanCarly (Cameron Diaz, che ha già lavorato con il regista in La custode di mia sorella), un’avvocatessa bella, sexy ed indipendente, inizia una relazione con Mark (Nikolaj Coster-Waldau), un uomo altrettanto affascinante.
Quando si reca a casa del suo lui vestita da idraulico sexy per fargli una sorpresa, proprio quando inizia a credere alla possibilità di una relazione non solo fisica, Carly scopre che l’uomo perfetto in realtà tanto perfetto non è: Mark ha già una moglie, Kate (una molto brava Leslie Mann, attrice avvezza alle commedie, già vista in 40 anni vergine e Molto incinta), una donna molto diversa da lei. A sua volta Kate, donna graziosa, tutta casa, abitini a fiori, cane e dieta salutista, romantica e quasi stupidina, scopre in quel momento che il marito perfetto in realtà tanto perfetto non è.
Le due, dopo un primo momento di scontro, si alleano contro il comune traditore, del quale hanno scoperto una seconda amante, Amber (Kate Uptone), che a sua volta si scoprirà tradita. Le tre donne, da rivali, diventano complici e amiche nella vendetta che infine metteranno in atto.

the-other-woman-2014-01Il film ha tutti gli elementi della commedia: protagonisti tutti bellissimi (e anche bravi), location altrettanto belle come da copione (New York, Hamptons, Bahamas), interni degni delle copertine di Vogue Home, glamour a volontà, musiche che spaziano da Etta James a Frank Sinatra al tema di Mission impossible a Cindy Lauper, un cameo che resta impresso (la cantante rap Nicki Minaj, segretaria personale dell’avvocatessa Carly: quanto di più lontano dalla realtà si possa ritrovare in uno studio legale), ritmo di narrazione vivace scandito da dialoghi brillanti con più di una battuta divertente ed alcune sequenze davvero esilaranti (il finto stretching dietro la siepe delle due amiche spie, la veloce ristrutturazione depilatoria di Kate prima dell’incontro hot con il marito, l’appostamento sulla spiaggia per vedere chi sia l’ennesima amante). Certo, abbondanza di luoghi comuni, ma il tema di fondo, trasformare l’atavica rivalità femminile in sorellanza solidale, non è privo di senso e significato, oltre al fatto che far ridere o per lo meno sorridere non è risultato scontato e sempre facile da raggiungere.

La visione del film è stata preceduta dalla premiazione di Sergio Castellitto con il premio Federico Fellini Award for Cinematic Excellence da parte di Ettore Scola, che ne segnò l’esordio nel film La famiglia. Si trattava di una piccolissima scena (il nipote Castellitto in visita al nonno Vittorio Gassman infermo a letto, cui toccava un triste semolino, gli faceva assaggiare l’amatriciana che stava mangiando), ma il giovane Castellitto riuscì a mettersi in evidenza grazie alla sua bravura.
«Per la cronaca la pasta era bollente, ma da grande attore lui non mosse ciglio; io me ne accorsi solo dalla punta delle orecchie che diventarono violacee. Ovviamente il grande attore a cui mi riferisco è Gassman!» ha esclamato Ettore Scola con sfottò ironico e affettuoso nei confronti di Sergio Castellitto che commosso e divertito ha abbracciato il suo Maestro… (e scusate se è poco!)

castellitto scola

About Alessandra Quagliarella

Di Bari dove ha frequentato il liceo classico Socrate e si è laurea in Giurisprudenza. Da sempre appassionata di cinema. Ideatrice della rubrica "Cinema e Psiche" su Cinemagazzino, si propone una riflessione sulle vicende dell’animo umano tramite l’analisi del linguaggio espressivo di quel cinema che se n’è occupato. Nel 2015-2016 ha curato e condotto una trasmissione sul cinema "Sold Out Cinema" su Controradio Bari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *